News



Iscriviti alla Newsletter

E-Mail:

Statistiche

Tot. visite contenuti : 378004

Cerca

Cos'è il lavoro corporeo
Giovedì 17 Settembre 2009 08:43

Cos'è il lavoro corporeo?

 

Il lavoro corporeo è un intervento di cura per la persona, si spinge oltre la relazione psicoterapeutica basata sulla parola e sul dialogo. Normalmente si introduce il lavoro corporeo in un percorso con lo psicoterapeuta quando vi è la necessità di integrare ciò che è emerso nel dialogo con un aspetto più fisico ed energetico. Oppure il lavoro attraverso il corpo diventa da subito un modo di esplorare ed esprimere pienamente i vissuti che la persona porta in terapia. Spesso il paziente ha bisogno di sentire il radicamento nel corpo o di esprimere più apertamente le sue emozioni, a volte la necessità è quella di scaricare le tensioni muscolari e posturali per ritrovare fluidità ed armonia con se stesso. Il lavoro con il dialogo ed il lavoro corporeo sono strettamente connessi, mente e corpo sono in congiunta relazione: tutto ciò che avviene a livello mentale causa manifestazioni nel corpo e viceversa. Pertanto la terapia della parola o la terapia corporea sono due strade che hanno il medesimo scopo di cura. La scelta tra le due è molto personale, alcune persone si sentono più predisposte ad un intervento corporeo rispetto ad un rapporto più dialogico, per altre vale il contrario.

Il lavoro con il corpo in se stesso è un modo di comprendere la personalità in termini più energetici e fisici. Attraverso il lavoro corporeo scopriamo che possiamo fare "parlare" ed esprimere parti di noi direttamente attraverso le sensazioni che emergono nel qui ed ora, è possibile così vedere certe dinamiche della nostra personalità che hanno necessità di esprimersi, di essere viste ed accolte dove non c'è stato sufficientemente spazio per farlo.

Il lavoro corporeo non si limita alla catarsi o alla fase espressiva fine a se stessa, ma nell'interazione terapeutica si lavora insieme sulla possibilità di usufruire e indirizzare armonicamente le energie che emergono nelle relazioni e nella vita quotidiana.

 

Per informazioni o appuntamenti riguardo a sedute di lavoro corporeo puoi contattarmi :

Dott. Marco Montanari psicologo - psicoterapeuta ricevo a Bologna presso il Centro di Psicosintesi, via s. Gervasio n. 4 - 40121- Bologna

telefono: 3471037028

 

 

psicoterapia_studio_bologna_psicosintesi_montanari_marco_psicoterapeuta_gestalt
Setting di lavoro corporeo

 

Per saperne di più:

 

Personalmente come psicoterapeuta corporeo mi riservo di avere molto tatto quando inizio un lavoro corporeo. Mi trovo spesso in relazione con pazienti che sono da sempre abituati a gestire tutto con la mente ed hanno dato poca importanza alla parte fisica, in questo caso ogni minimo movimento o intervento sul corpo può essere vissuto come invasivo. Molte volte anzichè entrare in contatto con il lavoro che si sta facendo nel corpo la persona tenderà a parlare o ad “andare via” con la mente, essendo questa una normale difesa verrà affrontata per sciogliere gradualmente tutte le resistenze.

La direzione del lavoro richiede una forte presenza, sicurezza e determinazione da parte dello psicoterapeuta, per potere portare la persona nella direzione giusta sapendo entrare nei vissuti personali e contenerli allo stesso tempo.

Il lavoro corporeo provoca il movimento di molte energie. I processi energetici del corpo sono in relazione con lo stato di vitalità dell'individuo. Più si è vivi, più energia si ha e viceversa. La rigidità o la tensione cronica diminuiscono la vitalità e abbassano l'energia. Alla nascita, un organismo è nel suo stato più vivo e fluido; alla morte la rigidità è totale, lo si vede nel rigor mortis. Nell'intervento corporeo si lavora con le rigidità dovute alle tensioni croniche risultanti da conflitti emotivi irrisolti.

A questo scopo è importante anche l'uso della respirazione. L’ossigeno e l’attivazione della rete circolatoria è una componente importantissima per risvegliare l'espressività delle emozioni e rendere fluide quelle aree del corpo che prima erano legate e bloccate.

Attraverso l'uso del respiro e del contatto tutto il corpo può essere più flessibile, elastico, aperto; avviene in questo modo un accesso profondo ai vissuti della persona, con un conseguente cambiamento nel modo di sentirsi e di percepirsi.

I modelli teorici di riferimento sono il modello della gestalt, della bioenergetica e della integrazione posturale.

 

 

Vedi ancora articoli:

Lavoro connettivale sulle fascie e vissuto della persona

Lavoro corporeo sistema nervoso ed emozioni

Mente e corpo nel lavoro di integrazione posturale

 

 

Ultimo aggiornamento Sabato 12 Maggio 2012 16:11
 
Google+